♦Preghiera

♦Meditazioni e Riflessioni sul:

Sacro Cuore di Gesù

Madre Teresa e il Sacro Cuore di Gesù

♦Introduzione:

♦Devozione al Sacro Cuore di Gesù

♦Storia

♦Le Quattro Apparizioni più importanti s

♦La Ragione o lo Scopo delle Apparizioni

♦Qual è il significato della parola “devozione”?

 

La diffusione della devozione al Sacro Cuore è sempre stata un aspetto importante nella vita e nell’apostolato di Madre Teresa e ancora oggi occupa una parte considerevole nell’apostolato delle Missionarie della carità.  La loro Costituzioni dice: “Durante le loro visite, le suore devono incoraggiare la  devozione genuina al Sacro Cuore e al Rosario della famiglia. Esse devono stimolare le famiglie cattoliche a consacrarsi al Sacro Cuore e all’Immacolato Cuore di Maria. Devono insegnare loro a pregare, sia alle famiglie cristiane che alle non- cristiane (#113).” Nelle sue lettere, Madre Teresa spesso incoraggiava le suore a divulgare la devozione al Sacro Cuore di Gesù. Nel giugno 1972, scrisse, “Gesù ha promesso di scrivere nel Suo Cuore i nomi di tutti coloro che  propaghino la devozione al Suo Sacro Cuore. Nella maggior parte delle nostre case, è confortante vedere lo zelo con cui questa devozione è diffusa  in centinaia di famiglie. Gesù non ci può ingannare – i vostri nomi, figlie mie, sono scritti nel Suo Cuore.” In una lettera precedente così incoraggiava le sue suore, “ Figlie mie, durante la Novena al Sacro Cuore, rinnovate con maggior determinazione la vostra offerta di diventare veri apostoli del Sacro Cuore...” Ascoltiamo anche noi le sue parole e seguiamo il suo esempio nel diventare  apostoli autentici del Sacro Cuore di Gesù.

 

La pagine che seguono riassumono alcuni brani del libro “Insediamento del Sacro Cuore” scritto da

Padre Francis Larkin. Saranno utili nel procurare informazioni su come propagare la devozione al Sacro Cuore e come introdurla in un modo semplice ad altre persone. Inclusi si troveranno anche suggerimenti su come preparare le famiglie alla cerimonia d’ Insediamento e di Consacrazione al Sacro Cuore di Gesù e all’Immacolato Cuore di Maria, come guidare la celebrazione nella casa e come aiutare le famiglie a vivere successivamente la loro consacrazione.

 

 

 

 

Prima Parte: La Devozione al Sacratissimo Cuore di Gesù

 

Storia:

La devozione al Sacro Cuore di Gesù non è nuova. E' stata prefigurata nell'Antico Testamento dal patto d'amore che Dio ha fatto con il suo popolo eletto. Ogni pagina del Nuovo Testamento offre un quadro dell’amore del Cuore di Gesù. E' stato ampiamente seminato tra i grandi ordini religiosi nel Medioevo e divenne un culto liturgico approvato dalla Chiesa. Nel 1765 è stata istituita la festa del Sacro Cuore di Gesù.

 

Nel XVII secolo, la devozione al Sacro Cuore si è diffusa largamente per mezzo della predicazione di San Giovanni Eudes. Egli è chiamato il "fondatore del culto liturgico dei Sacri Cuori di Gesù e Maria". ("Culto": una determinata forma di venerazione.) Tuttavia, al fine di stabilire pienamente e interamente il culto al Sacratissimo Cuore di Gesù , e di diffonderlo nel mondo, Dio stesso ha scelto come suo strumento più umile, una suora dell'Ordine della Visitazione, Santa Margherita Maria Alacoque. A Paray-le-Monial, in Francia, nella Cappella della Visitazione, ebbero luogo tante apparizioni del Sacro Cuore a Santa Margherita Maria.

 

Le Quattro Apparizioni più importanti::

E' impossibile stabilire l'esatto numero di apparizioni del Sacro Cuore a Santa Margherita Maria Alacoque. La maggior parte ebbero luogo mentre ella era inginocchiata in adorazione davanti al Santissimo Sacramento o dopo la Sana Comunione. Le apparizioni più rilevanti possono essere riassunti come segue:1. Dicembre 27, 1673, festa di San Giovanni Evangelista.

- Come a San Giovanni durante l'Ultima Cena, anche a S. Margherita Maria fu permesso di riposare sul Sacro Cuore di Gesù.

- Lei è stata scelta come discepola del Sacro Cuore. Egli le disse "Il mio Cuore arde così tanto di amore per gli uomini, e per te in particolare, che non potendo più contenere in sé la fiamma di questo Mio amore ardente, Sono indotto a diffonderlo ovunque, attraverso di te .."

 

2. 1673 e 1674.

 - Le mostrò  Il Suo Cuore come "un trono di fuoco" con i Simboli della Passione: la ferita nel Suo Cuore, la corona di spine e la croce. Gesù le spiegò il significato. Santa Margherita Maria ci dice: "Mi aveva fatto capire che il Suo ardente desiderio di essere amato dagli uomini e di condurli fuori dal percorso di dannazione eterna, in cui Satana li spingeva in gran numero, era la causa del progetto di manifestare il Suo Cuore agli uomini. "

- Gesù le disse che in qualsiasi luogo questa Sua immagine del Sacro Cuore, sarebbe stata pubblicamente esposta per la venerazione, Egli avrebbe effuso le sue grazie e benedizioni.

 

3. Entro l'Ottava della Festa del Corpus Cristi, 1674.

- Gesù apparve nella gloria: fiamme diramavano dalla Sua Santa Umanità, mostrando il Suo Cuore come fonte viva di queste fiamme.

- Egli lanciò un appello per la riparazione dei peccati e chiese la Comunione frequente, soprattutto nel primo Venerdì del mese e l’Ora Santa.

- Rivelò a S. Margherita Maria le ineffabili meraviglie del suo puro Amore e le mostrò a quale sovrabbondanza aveva amato gli uomini, dai quali aveva ricevuto solo ingratitudine e disprezzo. Gesù le disse: "Sento questo ancora di più di quanto ho sofferto nella Mia Passione. Se solo contraccambiassero un po’del mio amore, penserei poco a quello che ho fatto per loro e sarei disposto, fosse possibile, soffrire ancora di più. Ma in cambio di tutto il mio desiderio di far loro del bene, Mi rifiutano e Mi trattano con freddezza. Consolami almeno tu, ricompensandoMi, il più possibile, per la loro ingratitudine, ".

 

4. 16 Giugno 1675. La più grande e famosa delle apparizioni.

- Gesù si lamentava dell’ ingratitudine che Egli riceve dall’irriverenza e dai sacrilegi, per la freddezza e il disprezzo mostratogli nel Sacramento del Suo Amore - la Santa Eucaristia. "Ma quello che sento più profondamente", ha detto, "è che coloro che mi trattano così sono i cuori consacrati a me."

- Gesù ha chiesto la festa del Sacro Cuore con Comunione e Atto di Riparazione.

Ha promesso grazie speciali a coloro che attuano la Sua richiesta e incoraggiano gli altri a fare lo stesso.

 

La Ragione o lo Scopo delle Apparizioni::

Santa Margherita Maria ci dice: "Questo è come un ultimo tentativo del Salvatore per avvicinare i peccatori al pentimento e dare loro in abbondanza grazie efficaci e santificanti per impegnarsi di più alla propria salvezza. La devozione al Sacro Cuore contiene tesori al di là della comprensione che Lui vuole comunicare a tutti coloro che sono ben disposti di cuore. Questo Cuore Divino è il tesoro del cielo e della terra, che è stato dato a noi come tentativo finale per avvicinarci al Suo amore".

Attraverso la devozione al suo Sacro Cuore, il Signore vuole rinnovare gli effetti della redenzione e ravvivare il fuoco d'amore nel cuore degli uomini. Egli vuole darci un nuovo mezzo per amare Dio come Egli merita di essere amato.

 

Lo scopo di tutte le apparizioni del Sacro Cuore a Santa Margherita Maria Alacoque fu la restaurazione della sua Regalità: sugli individui, sulle famiglie e sulle nazioni. "Regnerò attraverso l'onnipotenza misericordiosa del mio Sacro Cuore."

 

 

Qual è il significato della parola “devozione”?

 

La parola’ devozione’ ha due significati:

 

l. Significa amore autentico, generosità, lealtà e unione di cuori. (Questo è ciò che vogliamo esprimere quando diciamo che una persona è devota alla sua famiglia.) Nell’affermare che una persona ha una devozione particolare per il Sacro Cuore, vogliamo indicare che veramente ama il Signore, che è leale e generosa, e che esiste tra di loro un vincolo di amore. Il tutto si riassume in una parola, è devota al Sacro Cuore.

 

2. Ma devozione al Sacro Cuore può significare anche qualcosa di più. E’ la rivelazione del “culto” – l’espressione del nostro amore per il Sacro Cuore. E’ la venerazione del Sacro Cuore di Gesù come Lui stesso l’ha richiesta e come è stata approvata dalla Chiesa. La devozione al Sacro Cuore è un “culto dottrinale” con il quale veneriamo la Persona di Gesù Cristo identificata nel Suo Cuore e in  tutto ciò che il Suo Cuore simbolizza.

 

La devozione al Cuore di Gesù, pertanto, non è una fra le tante devozioni, come la devozione a uno dei santi. È la devozione per eccellenza. È la devozione all’amore di Gesù, il Verbo Incarnato di Dio.  E’ la devozione all’amore umano e divino della Parola che si fa Carne, e anche a quell’ amore che il Padre celeste e lo Spirito Santo manifestano per noi,  uomini peccatori.

 

 

Il dogma o la dottrina che sottolinea questa devozione:

Ogni pratica devozionale approvata dalla chiesa si basa su una dottrina, su un dogma. Per esempio, la devozione al Rosario si basa sul dogma della Maternità divina: se Maria non fosse la Madre di Dio, noi non reciteremmo il Rosario in suo onore.

 

Allo stesso modo, le pratiche di pietà, ben conosciute da tutte le persone devote al Sacro Cuore (come le Comunioni di Riparazione dei primi venerdì del mese, l’acqua santa, ecc.) si basano su un dogma, una verità rivelata. Qual è questo dogma? “DIO È AMORE” (1John 4:16).

 

Ogni pratica devozionale al Cuore di Gesù non è altro che l’espressione di una di queste verità: “Dio è amore. Gesù è Dio. Pertanto Gesù è Amore. Egli mi ama. Voglio amarlo, per ricambiare il suo amore.”

 

La devozione al Sacro Cuore, dunque, è essenzialmente amore per la persona di Gesù, il cui amore infinito è simbolizzato dal Suo Cuore. Sì, Gesù è un oceano vasto di amore. Il Suo Cuore è il simbolo del suo amore immenso per noi.

 

Ogni volta che guardiamo a una immagine o ad una statua del Sacro Cuore, dovremmo ricordarci della “storia più grande” che sia mai stata raccontata, la storia dell’amore di Dio per l’uomo. Possiamo immaginare che questa storia abbia un prologo, tre capitoli e una conclusione pratica.

 

Il prologo: “Ti ho amato con un amore senza fine.”

 

Capitolo I: L’Incarnazione. “Dio così amò il mondo, da inviare il suo unico Figlio…E il Verbo si fece Carne.”

 

Capitolo II: La Passione e la Morte di Gesù. “Dio così amò il mondo…Fu crocifisso e morì.”

 

Capitolo III: L’Eucarestia. “Dio così amò il mondo…Prendi e mangia.”

 

Conclusione: “Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore.”

 

Sì,  il Cuore di Gesù riassume, in modo simbolico, l’amore di Dio; inoltre ci aiuta a ricordare ciò che Egli ha fatto per noi nel passato, ciò che sta facendo ora per noi in cielo, nell’Eucarestia e nelle nostre anime.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Testo © Mother Teresa Center of the Missionaries of Charity

 

 

 

Mother Teresa Center

3835 National Avenue

San Diego, CA 92113

USA

-------------------------------------------------

mtc@motherteresa.org

www.motherteresacenter.org

--------------------- -------------------

Italiano  ♦English  ♦Español  ♦Français  ♦Português  ♦Deutsch ♦中文