♦Preghiera

♦Meditazioni e Riflessioni sul:

Sacro Cuore di Gesù

♦Atto di Consacrazione al Sacro Cuore

♦Consacrazione e Insediamento del Sacramentatissimo Cuore di Gesù

 

♦Canto d’Ingresso

♦Il Sacerdote o il Diacono Benedice l’immagine

♦Atto di Consacrazione al Sacratissimo Cuore Di Gesù

♦L’INSEDIAMENTO DEL SACRO CUORE NELLA FAMIGLIA

 

♦I cinque passi nella preparazione delle famiglie all’Insediamento del Sacro Cuore

♦Le tre condizioni per l’Insediamento:

♦Il significato della parola “Insediamento”:

♦Il significato dell’insediamento del Sacro Cuore:

♦La Consacrazione al Sacro Cuore – La sua importanza e il suo significato?

♦Breve sintesi della Cerimonia di Insediamento

 

♦Illustrazione delle parti della Cerimonia di Insediamento

♦Il modo in cui l’Insediamento soddisfa le richieste del Sacro Cuore:

♦Vivere l’Insediamento:

♦Suggerimenti pratici per “Vivere l’Insediamento”:

♦Come si deve procedere nel caso in cui un sacerdote o un diacono non possano essere presenti l’Insediamento?

♦Cerimonia di Insediamento per cristiani non-cattolici:

♦Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria:

 

 

♦Consacrazione e Insediamento del Sacratissimo Cuore di Gesù

 

CANTO D’INGRESSO:

R/ Ti rendiamo grazie per tanta tenerezza,

dal tuo cuor trafitto doni l’acqua viva.

Ti benediciamo per tante meraviglie,

tu doni lo spirito, tu doni la vita.

 

Dio, tu sei il mio Dio, sei tu che io cerco,

la mia carne anela a te, mio Signore. Voglio

che il tuo amore guidi la mia vita, l’anima mia ha sete di te.

 

Ti loderanno sempre le mie labbra, finché

io viva ti benedirò. Al tuo nome voglio

alzare le mie mani, l’anima mia ha sete di te.

 

Quando sogno di te, quando spero in te,

quando ti chiamo sempre mi rispondi. Io

gioisco in pace sotto le tue ali, l’anima mia ha sete di te.

 

Quando io ti chiamo ti lasci trovare, ed io

mi sazio della tua speranza. Io sono una

terra arida senz'acqua, l’anima mia ha sete di te.

 

 

 

 

Il Sacerdote o il Diacono Benedice l’immagine::

 

Onnipotente ed Eterno Dio che non ci proibisci di foggiare immagini dei tuoi santi, in modo tale che ogni volta che li guardiamo possiamo essere invogliati ad imitare le loro vite e la loro santità; ti preghiamo di benedire e di santificare questa immagine in onore del Tuo unico Figlio, Gesù Cristo, il Sacratissimo Cuore del Nostro Signore.  Concedi che tutti quelli che si soffermeranno di fronte a questa immagine per onorare e adorare il Sacratissimo Cuore del Tuo Figlio, possano ottenere per mezzo dei Suoi meriti e della Sua intercessione, grazia in questa vita e gloria eterna nella prossima. Te lo chiediamo per Gesù Cristo, Nostro Signore e Tuo Figlio, che vive e regna con Te, in unità con lo Spirito Santo, un solo Dio per tutti i secoli dei secoli. Amen.

 

Il sacerdote o il diacono, a questo punto, colloca l’immagine sulla parete; e tutta la famiglia insieme prega il Credo Apostolico: redo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra e in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente; di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi, la remissione dei peccati, la resurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

Al termine della preghiera, tutti si siedono: in questo momento il sacerdote pronuncia una breve omelia alla famiglia, ricordando loro le richieste del Sacro Cuore a quelle famiglie a Lui consacrate, richiamando alla loro mente le straordinarie promesse fatte a Santa Margherita Maria e spronando la famiglia a vivere l’Insediamento attraverso quella consacrazione che stanno per fare o per rinnovare.

 

 

 

Atto di Consacrazione al Sacratissimo Cuore Di Gesù

 

TUTTI SI INGINOCCHIANO E PREGANO INSIEME

O Sacro Cuore di Gesù / che hai reso noto a Santa Margherita Maria il Tuo desiderio di regnare sopra le famiglie cristiane / oggi siamo qui riuniti / per proclamare il Tuo dominio assoluto sopra la nostra famiglia. / Da questo momento in poi promettiamo di condurre una vita sull’esempio di Cristo: / ci sforzeremo di coltivare nella nostra casa / tutte quelle virtù che producono quella pace che Tu hai promesso / e non cercheremo mai un compromesso con quello spirito profano / che Tu hai così fortemente denunciato.

Regnerai sopra le nostre menti per mezzo della nostra profonda e viva fede.  / Tu sarai il Re dei nostri cuori per mezzo del nostro amore generoso per Te; / e coltiveremo questo amore / ricevendoti frequentemente nella Santa Comunione.

 

Cuore Divino di Gesù, / presiedi sopra le nostre riunioni familiari; / benedici tutte le attività, materiali e spirituali della nostra famiglia. / Santifica le nostre gioie e confortaci nelle sofferenze. / Se un membro della nostra famiglia dovesse avere la sfortuna di offenderti seriamente, / ti preghiamo di ricordargli, o Sacro Cuore di Gesù, / che il tuo amore per il peccatore che si pente è infinito e misericordioso.

E quando viene l’ora della separazione, / quando la morte porta il suo dolore nella nostra famiglia, / tutti noi, sia coloro che ci lasciano che coloro che rimangono, / umilmente ci sottomettiamo alla Tua Volontà divina. Ma, nello stesso tempo, ci consoleremo e conforteremo, pensando che verrà un giorno in cui tutta la nostra famiglia / sarà riunita per sempre in cielo, nel Tuo Amore. / Là canteremo un canto di gloria alla misericordia e all’amore infinito del Tuo Sacro Cuore.

 

Chiediamo al Cuore Immacolato di Maria e al nostro glorioso protettore, San Giuseppe, di offrirti questo atto di Consacrazione della nostra famiglia. Possa il ricordo di questa consacrazione rimanere sempre con noi.

 

Si reciteranno, infine, un Padre Nostro, un ’Ave Maria e un Gloria per le intenzioni del Santo Pontefice e per tutti i cari assenti, sia vivi che defunti.

 

 

 

♦L’insediamento del Sacro Cuore nella famiglia

I cinque passi nella preparazione delle famiglie all’Insediamento del Sacro Cuore:

I cinque passi nella preparazione delle famiglie all’Insediamento del Sacro Cuore:

1. Preparazione remota: Questo è il primo passo e consiste nell’iniziare a parlare alle famiglie del Sacro Cuore di Gesù in un modo molto semplice e a spiegare loro come si svolge la cerimonia di insediamento nelle famiglie.

2. Preparazione prossima: Sono nuovamente visitate quelle famiglie che hanno espresso il desiderio per l’Insediamento. Devono essere istruite in modo molto più dettagliato sulla devozione al Sacro Cuore e sull’Insediamento. Per questo scopo potrebbero forse essere necessarie più visite, secondo la necessità di ciascuna famiglia.

3. Preparazione immediata: La famiglia, sceglie come iniziare la preparazione immediata per l’Insediamento. Può essere nella forma di un triduo familiare o di una novena di preghiere. Inoltre la famiglia deve essere incoraggiata ad avvicinarsi al sacramento della Confessione e a ricevere la Santa Comunione nel giorno della cerimonia.

4. Procedura: Questa è la cerimonia propria di Insediamento, presieduta preferibilmente da un sacerdote. Egli benedice l’immagine, esorta con una breve conferenza, e al termine della cerimonia, benedice tutti i presenti. Può anche benedire la casa. A seconda della lunghezza dell’omelia, l’intera cerimonia può durare 20 o 30 minuti.

5. Il seguito: Occorre incoraggiare la famiglia “a vivere l’Insediamento e la Consacrazione”. Questo è un principio generale: si deve invogliare la famiglia a impegnarsi a fare qualcosa, tenendo presente le sue capacità spirituali. Si faccia attenzione a non chiedere troppo. E’ importante continuare a visitare la famiglia, aiutarla a rinnovare la consacrazione, ecc…

 

Le tre condizioni per l’Insediamento:

l. CHE IL MATRIMONIO SIA VALIDO.

2.CHE ALMENO UNO DEI GENITORI SIA UN CATTOLICO PRATICANTE. Ad esempio, se uno dei genitori è un cattolico non praticante o non è cattolico, l’Insediamento può avvenire solo se l’altro genitore è un cattolico praticante.

3.LA FAMIGLIA DEVE ESSERE GENERALMENTE INTENZIONATA A FARE LA VOLONTA’ DI DIO.  Questo significa che possono essere risolutamente sollecitati a rispettare alcune condizioni specifiche, come per esempio il rinunciare a una pratica peccaminosa, prima di arrivare all’Insediamento. In questi casi, per evitare scandali, il sacerdote è la persona più indicata per giudicare quale procedura si debba seguire.

Nei casi in cui l’Insediamento non può avvenire per la mancanza di queste condizioni, nulla impedisce alla famiglia di onorare un’immagine del Sacro Cuore nella loro casa e/o di pregare il Sacro Cuore. Questo sovente porta all’acquisizione di abbondanti grazie che causano una progressiva crescita della vita spirituale della famiglia. “Quelli che sono sani non hanno bisogno del medico, ma quelli che sono malati; sono venuto per i peccatori…Il Figlio dell’Uomo è venuto a cercare e a salvare quello che era perduto.”

 

Il significato della parola “Insediamento”:

La parola “Insediamento” significa porre qualcuno su un trono, in riconoscimento della sua autorità. (Un esempio di Insediamento potrebbe essere quello di un vescovo che prende possesso del suo seggio nella cattedrale in riconoscimento della sua autorità spirituale sopra la diocesi.)

 

Il significato dell’insediamento del Sacro Cuore:

Insediare l’immagine del Sacro Cuore significa riconoscere il dominio di Cristo su di noi. Significa riconoscere Gesù, il Dio-Uomo, ricco di amore e di misericordia, come Sovrano e Amico della famiglia. Significa dare al Signore il primo posto nel nostro cuore e nella vita familiare. E’ uno “scambio di cuori” – Gesù ci dà il Suo cuore e noi gli offriamo il nostro. Con l’efficacia della Sua grazia, Egli veramente attua una trasformazione dei nostri cuori, specialmente delle nostre attitudini – convertendo l’indifferenza in amore, l’apatia in azione, la paura in fiducia. Diventiamo così delle persone diverse, perché il nostro cuore è cambiato.

 

In altre parole, l’Insediamento è il riconoscimento sociale e ufficiale della Sovranità del Sacro Cuore di Gesù sulla famiglia cristiana. Il riconoscimento dell’autorità di Cristo si esprime esteriormente e acquista un carattere permanente con l’Insediamento solenne dell’immagine di quel Cuore divino in un luogo ben visibile ed evidente nella casa e con l’Atto di Consacrazione.

 

L’Insediamento non consiste solo nella benedizione di una immagine, o in un atto di consacrazione o in una cerimonia esterna e transitoria: è tutto questo e anche qualcosa di  più importante. Lo scopo dell’Insediamento è di incoraggiare e di aiutare le famiglie ad adottare lo “stile di vita del Sacro Cuore” – una vita di amore e di amicizia con il Sacro Cuore di Gesù, la Guida divina e l’Amico fedele della famiglia – questa è la vera e genuina vita cristiana.

 

La Consacrazione al Sacro Cuore – La sua importanza e il suo significato:

La Consacrazione al Sacro Cuore occupa una parte molto importante nella cerimonia di Insediamento. In effetti, è stato detto che la Consacrazione è la più importante tra tutte le pratiche devozionali richieste dal Signore per il Suo Sacro Cuore. Santa Margherita Maria ci riferisce che il Signore ha promesso benedizioni speciali per coloro che si consacrano al Suo Sacro Cuore: la Consacrazione è fonte di tanta gioia per il Cuore di Gesù: è una difesa poderosa contro il demonio; è un rimedio eccezionale contro il peccato mortale; conduce le anime sul cammino della perfezione; procura pace al cuore; è la chiave con cui possiamo aprire il Suo Cuore; è un pegno di salvezza.

 

Molti sono i significati che possono essere attribuiti all’Atto di Consacrazione. In primo luogo, significa che rinnoviamo la nostra promessa di amore e di lealtà a Cristo, nostro Sovrano, promessa che abbiamo fatto nel giorno del nostro Battesimo. In secondo luogo, ‘consacrare’ significa rendere sacro, mettere da parte qualcosa per dedicarla esclusivamente al servizio di Dio: in questo modo, per esempio, sono consacrati un calice o un altare. Quando consacriamo noi stessi e la nostra famiglia al Sacro Cuore, significa che da questo momento in poi la nostra famiglia non è più soltanto una famiglia devota, intenzionata ad amare Cristo con tutto il suo cuore, ma anche che diventerà sacra agli occhi di Dio - qualcosa in cui Egli veramente si compiacerà – questa sarà la famiglia che proteggerà in un modo veramente speciale.

 

Come la famiglia dovrà prepararsi per l’Insediamento?

l. Dovrà approfondire la conoscenza sulla devozione al Sacro Cuore e sull’Insediamento. In questo possiamo essere di aiuto con le nostre visite. E’ opportuno anche incoraggiare la famiglia a leggere qualcosa su questo tema e, qualora fosse possibile, potremmo prestare loro libri o opuscoli.

2. Con la preghiera. Queste sono tre possibilità:

a) Una Novena di preghiere e letture recitate insieme in famiglia per nove giorni consecutivi precedenti l’Insediamento.

b) Un Triduo di preghiere e letture – preghiere e letture speciali che devono essere recitate dalla famiglia nei tre giorni che precedono l’Insediamento.

c) Una settimana di preghiera con la Madonna Pellegrina. Dal momento che l’amore di Maria ci porta sempre a Gesù, è più che mai appropriato che suo Figlio sia insediato nella famiglia come Sovrano dopo una settimana di preghiera con la Vergine Pellegrina nella nostra casa. La statua verrà portata nella casa una settimana prima e la famiglia reciterà il Rosario ogni giorno in preparazione per l’Insediamento. Questo può essere, per le famiglie, un bellissimo modo per prepararsi all’insediamento, specialmente quando la famiglia non sa leggere o quando copie delle preghiere della Novena o del Triduo non sono disponibili. La famiglia potrà consacrarsi all’Immacolato Cuore di Maria alla fine della settimana, prima della cerimonia di Insediamento, quando la statua della Madonna Pellegrina è ancora nella casa, o altrimenti, la consacrazione all’Immacolato Cuore può essere fatta dopo la recita della Salve Regina, durante la cerimonia stessa. Infine, dopo aver portato suo Figlio in quella casa, la Madre continua il cammino per preparare un’altra famiglia a riceverlo.

3. Con la Confessione, la Santa Messa e la Comunione. Sarebbe cosa buona che tutti i membri della famiglia si avvicinassero al sacramento della Confessione durante il periodo di preparazione per l’Insediamento. (Per ottenere l’indulgenza plenaria annessa al ’ Insediamento, è necessario confessarsi nel corso della settimana precedente o successiva all’Insediamento, e ricevere la Santa Comunione il giorno stesso dell’Insediamento.) Sarebbe anche opportuno che almeno un membro della famiglia ricevesse la Santa Comunione e partecipasse alla Santa Messa durante il periodo della Novena o del Triduo. Ma almeno nel giorno della cerimonia, l’intera famiglia dovrebbe sforzarsi di ricevere insieme la Santa Comunione, in onore al Sacro Cuore di Gesù.

4. Con l’allestire “un trono” nella sala da pranzo ( o nella stanza principale)  della casa, in un luogo adeguato. Per preparare il “trono” si può usare una tela stesa sul caminetto o sulla TV (potrebbe essere utile per ricordare alla famiglia di assistere solo a spettacoli decorosi), o un tavolo usato come altare. Ricopritelo con una tela bianca; decoratelo con fiori e con candele. Se si pensa di usare un’immagine del Sacro Cuore e di appenderla alla parete, per rendere l’idea di un santuario, si può porre sotto l’immagine una mensola a muro, dove si possono collocare fiori e candele; altrimenti questi possono essere collocati su un tavolo vicino all’immagine appesa. In un altro angolo della stanza, collocate la statua o l’’mmagine del Sacro Cuore su un tavolino con dell’Acqua Santa. Qui avverrà la benedizione e poi la statua o l’immagine sarà trasportata dal capo famiglia sul “trono”. Collocate vicino o sul trono stesso le fotografie dei cari assenti, vivi o defunti.

5. Invitate parenti e amici. Questo non è essenziale, però è importante: mette in evidenza l’aspetto sociale della cerimonia; rende a Cristo Re un onore più grande: inoltre, altre persone possono acquisire benedizioni e anche venire a conoscenza dell’Insediamento.

 

♦Breve sintesi della Cerimonia di Insediamento:

1. i può iniziare, intonando un canto di ingresso.

2. Un sacerdote o un diacono benedice l’immagine del Sacro Cuore.

3. Il capo famiglia colloca l’immagine (statua o quadro) in un “posto d’onore” (sul “trono” che è stato preparato).

4. Tutta la famiglia prega insieme il Credo Apostolico.

5. Tutti si siedono, mentre il sacerdote o il diacono predica l’omelia.

6. Tutti si inginocchiano per l’Atto di Consacrazione al Sacro Cuore.

7. Tutti insieme recitano un Padre Nostro, una Ave Maria e un Gloria.

8. Si recita una Salve Regina in onore della dignità regale di Maria. In questo momento un’immagine dell’Immacolato Cuore di Maria può essere collocata vicino a quella del Sacro Cuore di Gesù e si può procedere ad un Atto di Consacrazione all’Immacolato Cuore di Maria.

9. Si conclude con la benedizione e un canto di chiusura. Al termine della cerimonia, si può anche benedire la casa.

 

 

Illustrazione delle parti della Cerimonia di Insediamento:

l. Quando tutti i membri della famiglia e gli ospiti sono presenti e il sacerdote o il diacono è pronto (può indossare una tonaca o semplicemente una stola), uno dei bambini è invitato ad accendere le candele, mentre un altro distribuisce copie dei foglietti della cerimonia a ciascuno dei presenti. Si intona il canto di ingresso. Il sacerdote, circondato dai genitori e dai bambini, inizia la benedizione liturgica dell’immagine del Sacro Cuore. Dopo di che, invita il capo famiglia, accompagnato dalla moglie e dai bambini a prendere il quadro o la statua e “a portare il Sacro Cuore in processione al posto d’onore nella casa”. (Il posto d’onore deve essere stato preparato precedentemente – consulta la privia illustrazione). A volte, durante la breve processione i presenti intonano un canto al Sacro Cuore. Una volta arrivati vicino al trono, il Sacro Cuore viene insediato nel posto d’onore.

2. Poi il Credo Apostolico viene recitato da tutti i presenti come un atto di fede negli insegnamenti del Signore e in espiazione per quelle famiglie che rifiutano di accettarli o che non li mettono in pratica.

3. Dopo di ché tutti si siedono, mentre il sacerdote o il diacono spiega loro il significato dell’Insediamento e della devozione al Sacro Cuore.

4. Al termine dell’omelia, tutti si inginocchiano e insieme recitano l’Atto di Consacrazione al Sacro Cuore. Poi vengono recitati un Padre Nostro, un’ Ave Maria e un Gloria per tutti i cari assenti, sia vivi che defunti. Se lo si desidera, si  possono aggiungere alcune “preghiere dei fedeli”. Tutti i presenti possono presentare le loro petizioni.

5. Tutti si alzano in piedi. Ogniqualvolta un Re viene insediato sul trono, anche la Regina regna con lui. Di conseguenza, nella cerimonia di Insediamento la Regina dell’Amore non può essere dimenticata, e in onore del suo Cuore Immacolato, tutti insieme recitano una Salve Regina. Se lo si desidera, a questo punto, la famiglia può fare un Atto di Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria e la sua immagine può essere collocata vicino a quella del Sacro Cuore. (Per essere corretti, non parliamo qui di “insediamento” del Cuore Immacolato di Maria – questo è un atto di adorazione riservato solo al Re divino. Tuttavia  è opportuno e anche doveroso insediare l’immagine della Madonna in un posto d’onore nella casa).

6. Se un sacerdote è presente, la cerimonia si conclude con la sua benedizione. Si può quindi intonare un canto di chiusura. Il sacerdote può anche benedire la casa. Se esiste un certificato di Insediamento, questo deve essere firmato da tutti i membri della famiglia e dal sacerdote o diacono e deve essere appeso vicino al santuario del Sacro Cuore.

.

 

Il modo in cui l’Insediamento soddisfa le richieste del Sacro Cuore:

In questa cerimonia tre richieste importanti del Sacro Cuore sono soddisfatte::

1° – Che Egli sia riconosciuto come un Re di amore;

2° – Che la sua immagine sia onorata in un luogo cospicuo e visibile.

3° – Che ci consacriamo al Suo Sacro Cuore.

 

Ma il Sacro Cuore ha fatto anche altre richieste. Ed è proprio quando ci sforziamo di soddisfare queste richieste che veramente “viviamo l’Insediamento”. E questa è infatti la parte più importante della devozione.

 

Vivere l’Insediamento:

La richiesta fondamentale fatta dal Sacro Cuore è di amarlo con una generosità ogni giorno sempre più grande. Molto spesso le persone interessate ad avere l’Insediamento e a consacrarsi al Sacro Cuore, chiedono quali siano le obbligazioni. Questa è l’obbligazione principale: crescere sempre di più nell’amore al Sacro Cuore. Tutti i cristiani hanno l’obbligo di seguire i due grandi comandamenti, l’amore a Dio e l’amore al prossimo. Questo significa obbedire alla legge di Dio e della sua Chiesa e praticare la carità..

 

Ma l’amore per il Sacro Cuore di Gesù, in una casa dove sia stato insediato e dove sia stata fatta la Consacrazione, dovrebbe avere tre caratteristiche speciali:

 

1. Deve essere un amore pieno di fiducia fondato sulla Sua misericordia e la Sua potenza e sulla Sua disponibilità ad aiutarci in tutti i nostri bisogni. La fede e la fiducia dovrebbero essere le caratteristiche fondamentali dell’amore per il Sacro Cuore di Gesù.

2. L’amore per il Sacro Cuore deve essere Eucaristico. E’ necessario partecipare puntualmente alla Santa Messa ogni domenica e ogni festa obbligata. Inoltre, dovremmo sforzarci di partecipare alla Messa e ricevere la Comunione durante la settimana, il più frequentemente possibile. Per lo meno dovremmo desiderare di soddisfare la richiesta del Signore di riceverlo nella Santa Comunione il primo venerdì di ogni mese, in espiazione per coloro che per loro colpa non soddisfano a questa obbligazione. Come ricompensa alla nostra fedeltà ai nove successivi primi venerdì del mese, il Signore ha promesso di garantire la nostra salvezza. Una promessa notevole e un privilegio considerevole.

3. L’amore per il Sacro Cuore deve essere generoso, in altre parole, deve essere disinteressato. Il desiderio di donarsi completamente all’amato fa parte della natura stessa dell’amore, ma richiede anche un sacrificio. Questo significa non soltanto generosità nel nostro amore per Dio, ma anche nel nostro amore per il prossimo, specialmente nel praticare la carità in famiglia.

 

Suggerimenti pratici per “Vivere l’Insediamento”::

Qui di seguito, troverete alcune attività o esercizi che potranno essere suggeriti alle famiglie, nell’intento di aiutarle a crescere nell’amore per il Sacro Cuore e a mantenere vivo il significato dell’Insediamento. Un principio fondamentale è: stimolare la famiglia ad impegnarsi a fare qualcosa, tenendo presente la loro capacità spirituale. Dobbiamo fare attenzione a non esigere troppo, altrimenti potrebbero sentirsi oppressi, scoraggiati, tanto da rinunciare completamente a tutto. E’importante conoscere la famiglia, così da poter offrire i suggerimenti più appropriati.

 

1. Invocazioni: Rivolgendosi al Sacro Cuore più volte durante la giornata e mormorando brevi giaculatorie, specialmente quando si passi accanto all’immagine del Sacro Cuore. Le preghiere possono essere recitate mentalmente o insieme ad un’altra persona della famiglia.

“Sacro Cuore di Gesù, ti amo.”

“Sacro Cuore di Gesù, confido in Te.”

“Sacro Cuore di Gesù, ti supplico, fa che io ti ami sempre di più.”

“Sacro Cuore, credo nel tuo amore per me e per la mia famiglia.”

“Sacro Cuore, proteggi la mia famiglia.”

2. Preghiera quotidiana – personalmente o in famiglia: Cominciate la giornata con l’Offerta Mattutina. Rinnovate quotidianamente con una preghiera la vostra Consacrazione (dopo cena, prima di alzarvi da tavola, dopo la recita del Rosario di famiglia, o in un altro momento quando tutta la famiglia sia presente). Leggete ogni giorno un passo delle Scritture, specialmente del Vangelo. Recitate il Rosario ogni giorno.

3. Rinnovo della Consacrazione del Sacro Cuore:

Durante i primi venerdì del mese o in altre occasioni speciali – in alcune momenti importanti, la famiglia si riunisca intorno al santuario del Sacro Cuore per rinnovare formalmente la Consacrazione. Questo può essere in occasione di compleanni, anniversari di matrimonio, giorni del Battesimo, della Prima Comunione, Giorno di Ringraziamento, Natale, Festa del Sacro Cuore, Vigilia dell’Anno Nuovo, ecc....

Rinnovo Annuale – Nel giorno anniversario dell’Insediamento, l’intera cerimonia può essere ripetuta (non sarà necessario rie-insediare il quadro o la statua del Sacro Cuore, ma tutto il resto della cerimonia può essere ripetuto). La cerimonia di Insediamento può essere ripetuta integralmente nel caso in cui la famiglia cambi di abitazione.

4. Una più profonda devozione alla Santa Eucarestia:

- Messa quotidiana – sarebbe bene che almeno un membro, in rappresentanza della famiglia, potesse partecipare quotidianamente al Santa Messa.

- Cercate di partecipare alla Santa Messa e di ricevere la Santa Comunione nei primi venerdì di ogni mese, per nove mesi consecutivi, o forse anche in ogni primo venerdì (sarebbe meraviglioso se questo si potesse attuare come famiglia).

- Spendete un’Ora Santa, quando sia possibile, in Chiesa, davanti al Santissimo Sacramento. Spendete un’Ora Santa nella vostra casa. Alcune famiglie si alzano di notte (tra le 11 e le 12, la vigilia dei primi venerdì del mese) e spendono un’Ora Santa in preghiera nella loro casa.

- Visite al Santissimo Sacramento – Ogniqualvolta passate davanti a una Chiesa, andando o ritornando dal lavoro o dalla scuola, ecc....cercate di fermarvi per visitare brevemente Gesù nel Santissimo Sacramento.

5. Trasformate la Festa del Sacro Cuore, ogni anno, in una festa speciale della famiglia. Cercate di partecipare alla Santa Messa e di ricevere la Santa Comunione come famiglia. Fate sì che sia un giorno in cui la famiglia dimostra al Sacro Cuore che Egli è veramente il Sovrano e l’Amico della loro casa, il Dio-con-noi, intimamente partecipe della vita quotidiana della famiglia. Che sia veramente un giorno di festa e di gioia.

6. Ponete davanti all’immagine del Sacro Cuore una luce accesa o almeno qualche fiore. Questo serve per ricordare alla famiglia e agli eventuali ospiti che Gesù occupa il posto d’onore nella casa.

7. Di tanto in tanto si potrà organizzare per tutte le famiglie in cui è avvenuto l’Insediamento e che si sono consacrate al Sacro Cuore, una speciale Messa comune o un’Ora Santa in cui insieme possano rinnovare la loro Consacrazione.

 

Come si deve procedere nel caso in cui un sacerdote o un diacono non possano essere presenti all’Insediamento?

Certamente sarebbe meglio se un sacerdote o un diacono potesse essere presente per benedire il quadro o la statua e per presiedere alla cerimonia. Ma quando questo non sia possibile, la famiglia può comunque procedere alla cerimonia di Insediamento senza il sacerdote o il diacono. In questo caso, l’immagine del Sacro Cuore dovrebbe essere portata in Chiesa per essere benedetta. Per rendere questo gesto ancora più significativo, si può far sì che tutti coloro che prenderanno parte all’Insediamento, si pongano in fila davanti alla Chiesa, prima o dopo la Santa Messa, reggendo il quadro o la statua che il sacerdote benedirà. Sarebbe meglio se fosse proprio il capo famiglia a reggere l’immagine mentre il sacerdote la benedice. Il resto della cerimonia si svolgerà nella casa, secondo il rituale già illustrato

 

Cerimonia di Insediamento per cristiani non-cattolici;

Una particolare cerimonia di Insediamento può essere preparata per cristiani non-cattolici. Potrà includere: canti, passaggi presi dalle Scritture (ad esempio Lc. 19:1-10 o 10:38-42 o Gv. 12:12-15), l’Insediamento di una immagine (preferibilmente il Sacro Cuore) in un posto d’onore (questo verrà preparato con fiori, candele ecc....) e altre preghiere. Non si procederà all’Atto di Consacrazione al Sacro Cuore, ma, in sostituzione, si userà una “preghiera di alleanza” tra la famiglia e Gesù, il loro Dio e Salvatore.

 

Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria:

Già si è suggerito di includere la Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria nella cerimonia di Insediamento. Tuttavia esiste anche la possibilità di avere per questa una cerimonia separata, preceduta da un’adeguata preparazione. Questa sarà senza dubbio necessaria, se si intende fare la Consacrazione Totale a Gesù attraverso Maria, secondo San Luigi de Monfort, dal momento che è estremamente importante prepararsi per questo. Se la Consacrazione al Cuore Immacolato avverrà in una cerimonia separata, si potrà procedere nel modo seguente:

 

1.  Canto alla Madonna

2. Atto di Consacrazione al Cuore Immacolato

3. Un Padre Nostro, un’Ave Maria e un Gloria secondo le intenzioni del Santo Pontefice

4. Il Rosario di famiglia (facoltativo) – si recitino i Misteri Gloriosi

5. Tutti si alzano in piedi per recitare la Salve Regina

6. Rinnovo della Consacrazione al Sacro Cuore

7. Si conclude con un canto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Testo © Mother Teresa Center of the Missionaries of Charity