♦Preghiera

♦Meditazioni e Riflessioni su:

♦Ottobre Mese specialmente dedicato al Rosario

♦Un buon metodo:

Come pregare il Rosario

 

 

 

1.In corrispondenza del Crocifisso, fai il Segno della Croce e poi recita il Credo.

Credo

Credo in Dio, /Padre Onnipotente,

Creatore del cielo e della terra; /e in Gesù Cristo,

Suo unico Figlio, /Nostro Signore,

il quale fu concepito dallo Spirito Santo

nacque da Maria Vergine, /patì sotto Ponzio Pilato,

fu crocefisso,/morì e fu sepolto.

Discese agli inferi. /Il terzo giorno risuscitò da morte;

salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre Onnipotente;

di là verrà a giudicare i vivi e i morti. /

Credo nello Spirito Santo,/ la Santa Chiesa Cattolica,

la comunione dei Santi,/

la remissione dei peccati, /la resurrezione della carne,

la vita eterna. Amen.

 

2.Prega un Padre Nostro sulla primo grano grande del rosario.

Padre Nostro

Padre Nostro che sei nei cieli, sia santificato il Tuo nome;

venga il Tuo regno. Sia fatta la Tua volontà come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano;

e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori;

e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen.

 

3.Una Ave Maria su ciascuno dei tre grani piccoli

Ave Maria

Ave Maria , piena di grazia, il Signore è con te.

Benedetta tu fra tutte le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù.

Santa Maria, Madre di Dio,

prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

 

4.Sul successivo grano grande, prega un Gloria

 

Gloria

Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo,

come era in principio, ora e sempre,

nei secoli dei secoli. Amen.

Annuncia il primo Mistero, poi prega un Padre Nostro

 

5.Su ciascuno dei dieci grani piccoli recita una Ave Maria, completando così il mistero

 

6.Su ciascun grano grande prega un Gloria e poi prega la preghiera dell’Angelo di Fatima

 

O Mio Gesù

O mio Gesù, perdona i nostri peccati; salvaci dal fuoco dell’inferno; porta in cielo tutte le anime, specialmente le più bisognose della Tua misericordia.

Annuncia il Mistero successivo, poi recita un Padre Nostro. Ripeti i punti 5 e 6 per tutte le cinque decadi del Rosario

(annuncia il Mistero, un Padre Nostro, dieci Ave Marie, un Gloria, O mio Gesù)

 

7.Alla fine dell’ultima decade recita il Gloria e il O Mio Gesù, seguito dalla Salve Regina

Salve Regina

Salve Regina, Madre di Misericordia, vita, dolcezza, speranza nostra, salve.

A te ricorriamo esuli figli di Eva, a te sospiriamo, gementi e piangenti in questa valle di lacrime.

Orsù, dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi e mostraci dopo questo esilio, il frutto del Tuo ventre, Gesù. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria

 

V: Prega per noi, o Santa Madre di Cristo

R: Perché siamo fatti degni delle promesse di Nostro Signor Gesù Cristo

Preghiamo:

O Signore, il cui unico Figlio, con la sua incarnazione, morte e resurrezione, ha ottenuto per noi il premio della salvezza eterna, concedici, ti supplichiamo, che con la meditazione di questi Misteri del santissimo Rosario della Beata Vergine Maria, noi possiamo imitare quanto contengono e ottenere quanto promettono. Per Gesù Cristo, nostro Signore. Amen.

 

 

 

♦I Misteri Gaudiosi     ♦I Misteri Luminosi    ♦I Misteri Dolorosi   ♦I Misteri Gloriosi

 

 

 

Un buon metodo:

Prima di iniziare: chiedi allo Spirito Santo di aiutarti a pregare bene, per un momento rimani alla presenza di Dio.

 

Prima di iniziare una decade, rimani in silenzio per qualche istante – a seconda del tempo che hai a disposizione – e contempla il mistero che stai per onorare in quella decade.

 

Non dimenticare mai di chiedere a Dio onnipotente, per mezzo di questo mistero e attraverso l’intercessione della Beata Madre, una delle virtù che maggiormente risplende in questo mistero o una virtù di cui hai un particolare bisogno.

 

Datti la pena di chiedere per qualche grazia speciale

Chiedi l’aiuto di Dio nel coltivare una delle più notevoli virtù cristiane o nel superare uno dei tuoi peccati.

 

Evita la trappola in cui molti cadono quando pregano il Rosario, che è quella di non avere altre intenzioni al di fuori di quella di terminarlo al più presto possibile!

E’ veramente pietoso vedere come la maggior parte della gente recita il Rosario – lo pregano straordinariamente in fretta e mormorandolo in modo tale che le parole non sono per nulla pronunciate chiaramente. Non ci si può aspettare che nessuno, nemmeno la persona meno importante, possa pensare che un tale trasandato approccio sia un complimento, eppure ci aspettiamo che Gesù e Maria siano soddisfatti di questo! Non ci si può proprio meravigliare, dunque, se le più sacre preghiere della nostra religione sembrano non essere fruttuose e se, anche dopo aver pregato migliaia di rosarii, non siamo migliori di quanto fossimo prima!

 

Ti supplico di limitare la velocità in cui troppo facilmente si incorre e cerca di osservare delle brevi ma frequenti pause quando reciti il Padre Nostro e le Ave Marie. Ho indicato con una croce, come puoi vedere, ciascuna pausa.

 

Padre Nostro che sei nei cieli, +

sia santificato il Tuo nome, +

venga il Tuo regno, +

sia fatta la Tua volontà +

come in cielo così in terra. +

dacci oggi + il nostro pane quotidiano +

e rimetti a noi i nostri debiti +

come noi li rimettiamo ai nostri debitori, +

e non ci indurre in tentazione +

ma liberaci dal male. Amen.

 

Ave Maria, piena di grazia, +

Il Signore è con te,+

Benedetta sei tu fra tutte le donne +

E benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. +

Santa Maria, Madre di Dio, +

prega per noi peccatori, ora, +

e nell’ora della nostra morte,

Amen.

 

San Luigi de Monfort

 

 

 

 

 

Testo © Mother Teresa Center of the Missionaries of Charity