Riguardo a Madre Teresa di Calcutta

 

 TESTIMONIANZE

<<< Favori e grazie ricevuti tramite Madre Teresa

successiva >>>

 

i ringrazio per la preghiera. mia sorella ha fatto l'esame istologico sul fegatoe non sono risultate metastasi.

 

 

sono un ragazzo di ventitre anni, in cammino verso il sacerdozio.

Vorrei semplicemente fare una piccola condivisione con voi. Ho recentemente finito di leggere il libro "Sii la mia luce": è stato ed è tuttora un raggio di splendida luce sulla mia strada e un forte sostegno nelle mie difficoltà. Ciò che M. Teresa desiderava profondamente essere (una santa per chi è nell'oscurità), lo sto sperimentando di prima persona. Confido fortemente nella sua intercessione.

Ero incerto se scrivervi o lasciare questi pensieri nel silenzio del cuore.

 

 

Il primo episodio è avvenuto tra il luglio e l’agosto del 2004. Mio marito, per una grave malattia arteriosclerotica delle coronarie, una cardiopatia dilatativa ed una insufficienza mitralica severa, viene sottoposto il 23 luglio ad un intervento di particolare delicatezza presso l’ospedale “San Raffaele del Monte Tabor” di Milano. Dopo l’intervento viene ricoverato presso il reparto di terapia intensiva per ben tredici giorni, per sopravvenute complicazioni polmonari. Durante la permanenza di mio marito in terapia intensiva, il signor Salvino Mignani, ricoverato nella stessa stanza, racconta di aver avuto una notte la visione di Madre Teresa. Nel corso di questa visione la beata, dopo aver acceso un grande cero, si reca verso il letto di mio marito. Alla richiesta del signor Magnani di accendere un cero anche per lui, suor Teresa, guardandolo, ne accende uno di dimensioni più piccole.

 

Il secondo episodio è avvenuto a distanza di sette anni. Per il sopravvenire improvviso di una severa insufficienza mitralica e di una severa disfunzione ventricolare sinistra, mio marito è costretto l’11 ottobre 2011 a sottoporsi ad un secondo intervento cardio-chirurgico particolarmente rischioso presso lo stesso ospedale “San Raffaele”. Dopo l’operazione viene ricoverato, per ben sei giorni, in terapia intensiva per il sopraggiungere di complicazioni renali. Dopo due giorni dal trasferimento in reparto, esattamente il giorno 19 ottobre, prima dell’alba, quando fuori tutto è ancora buio e la stanza è illuminata soltanto dal fascio di luce artificiale proveniente dal corridoio, mio marito ha una visione. Ai piedi del letto egli vede una suora la quale, con il gomito appoggiato sull’angolo destro del materasso e la guancia destra posata sulla mano, gli dice con volto sorridente: “stai tranquillo che ci sono io. Sai chi sono? Sono suor Teresa, non ti preoccupare. Ora stai bene. Forza, forza, forza!”. Mio marito, sconvolto e incredulo la fissa incrociando il suo sguardo amorevole e sorridente. Nel momento in cui egli riapre gli occhi dopo averli chiusi per un istante, Madre Teresa era svanita. Soltanto nei giorni seguenti, in seguito all’acquisto del libro Il piccolo libro di Madre Teresa (Armenia, 2008) siamo venuti a conoscenza che il 19 ottobre corrisponde al giorno in cui si commemora la beatificazione di suor Teresa.

 

 

 

 

 

NOTA BENE:  Qualunque scritto ci venga inviato potrà essere pubblicato (e soggetto a modifiche da parte del MTC) dal MTC. Se desidera che i suoi scritti non siano resi pubblici, per favore, ce lo indichi nel suo E-mail.

 

La vita di molte persone è stata toccata, influenzata o cambiata da Madre Teresa. Saremmo interessati a ricevere le vostre testimonianze personali per aiutarci a diffondere la conoscenza della Santa Teresa di Calcutta e la devozione a lei dovuta, e per conservare tali ricordi per le future generazioni.

 

Favori e grazie ricevuti tramite Madre Teresa

Testimonies have been condensed and edited; personal and identifying information has been removed.

Per favore, porti alla nostra conoscenza qualsiasi favore o miracolo ottenuto attraverso l’intercesssione di Santa Teresa,

scrivendo a: favors@motherteresa.org

 

 

Testo © Mother Teresa Center of the Missionaries of Charity